Riconoscere una pashmina falso su internet: il metodo infallibile!

Cette publication est également disponible en : Francese Inglese Tedesco

In un precedente articolo abbiamo scoperto la tecnica tradizionale della tessitura di kani. Che dire delle contraffazioni? Questo articolo in inglese descrive le differenze tra kani veri e kani falsi. Per quanto ci riguarda, siamo interessati al modo migliore per tenere traccia della pashmina falso su internet…

1 – Il prezzo

Diffidare sempre dei prezzi troppo attraenti!!! Un vero kani shawl viene negoziato a 1.000 US$ a Srinagar, il prezzo poi aumenta in base al numero di intermediari. Un articolo troppo economico non sarà MAI autentico, il reciproco purtroppo non è vero …

2 – La tessitura jacquard tono su tono

E’ il mio metodo preferito per riconoscere una pashmina falso tessuta a macchina, e a partire da lì scoprire i siti che mentono sulla qualità del prodotto. L’articolo presenta dei motivi tessuti nella trama in tono su tono che non possono essere stati realizzati dalla mano dell’uomo ma sono realizzati da telai meccanici jacquard. Per quanto riguarda il materiale può variare dal cashmere di Mongolia alla lana d’agnello mescolata o no a della seta. La vera pashmina del Ladakh è troppo fine per sopportare la tensione che la macchina impone.

falso macchina jacquard pashmina
Falsa pashmina tessitura jacquard venduta 156€ su un sito francese
pashmina falso
Estratto dal catalogo di una fabbrica indiana del Punjab

 

 

3 – Esaminare il rovescio e la bordatura

Più facile beninteso quando si ha lo scialle sotto gli occhi, ma su internet si ha la possibilità di esaminare attentamente le foto che abbiamo a disposizione!

A sinistra un vero scialle kani pazientemente tessuto per mesi. Per informazione la foto è stata presa da un sito indiano di vendita online dove è commercializzato a 2639 US $. Si riconoscono bene i motivi di tessitura kani, così come il suo aspetto fine e denso. Il rovesco presenta dei contorni un po’ meno netti.

Sulla destra un’imitazione di scialle kani tessuto a macchina. È identico alla prima occhiata, eccetto per il rovescio che si vede nella parte superiore della foto: sembra sfocato e ruvido con dei sovraspessori. E’ così che riconosciamo un falso kani. La foto è brutta ed è stata ingrandita per esaminare l’area incriminata… Ovviamente tutto ciò sarebbe stato molto più evidente con il pezzo in questione davanti agli occhi!

vero kani

pashmina falso kani

 

Questo stile di pashmina falso è intessuto nelle fabbriche del Punjab, uno stato indiano a sud del Kashmir. A titolo informativo, una stola tessuta a macchina come quella presentata qui sotto – pubblicata a 380€ sul sito incriminato – costa all’acquisto 15 US$ se è in “pashmina” ossia in lana pregiata di pecora australiana, o 35US$ in cashmere della Mongolia. Anche se i materiali sono naturali, rimane una finta pashmina, un oggetto di serie, ben lontano dalle vere pashmine in cashmere dell’Himalaya del Ladakh, tessute a mano nel Kashmir…

pashmina falso tessuto macchina

Alcuni modelli tessuti in lana molto fine presentano un’illusione quasi perfetta sul diritto: occorre quindi esaminare il rovescio e i bordi che sono più ruvidi. Diventa quindi sempre più difficile rilevare gli inganni sulla base di una semplice foto pubblicata su un sito Web…

pashmina falso kani

Falsa tessitura kani in lana molto fine: sul diritto l’illusione è quasi perfetta

 

Torniamo quindi allo scialle individuato dalla cliente su un sito web concorrente: dunque non è una vera pashmina ma un articolo di serie realizzato a macchina, in lana, forse misto seta o cotone, nel migliore dei casi in cashmere della Mongolia, il mercante rimane completamente libero di applicare i margini che vuole!

A seguito di una lamentela del sito commerciale incriminato – essendo Princesse Moghole il riferimento della vera pashmina in Europa questo articolo non era passato inosservato! – le foto estratte da questo sito con le prove della truffa, sono state ritirate, ma la dimostrazione rimane! Ovviamente è impossibile menzionare qui il nome del sito commerciale in questione ma se come questa cliente, avete dei dubbi sulla qualità delle pashmine vendute su un altro sito web, non esitate a contattarci: vi informeremo il più oggettivamente possibile.

Un ultimo consiglio: se su un sito web rilevate una menzogna, è un indicatore che può mettere in dubbio la qualità degli altri prodotti offerti. Un sito che offre pashmine “jacquards” dunque tessute a macchina con la denominazione “artigianale” commercializza probabilmente gli altri articoli fatti a macchina, anche quando non è evidente nelle foto!

Più che mai conviene essere vigili quando si sceglie la propria pashmina su internet, e non esitare mai a fare valere il vostro diritto di recesso: avete 14 giorni!

Lascia un commento