Category Archives: The pashmina road

PASHMINA ROAD, Part 3 : le capre cashmere dell’Himalaya

MARTEDI

300 km e 1790 m d’altitudine separano Srinagar da Leh, la capitale del Ladakh, mi ci vorranno 2 giorni per percorrerle. Il piccolo autobus si lancia all’assalto della strada sconnessa che si snoda tra le montagne. Poco a poco la verde vallata del Cachemire lascia il posto all’aridità dei paesaggi ladakhis, costellata di case bianche con il tetto piatto e di gompas incastonati sulle alture, sullo sfondo di cielo azzurro di una purezza assoluta.

 

L'Himalaya tra cashmere e ladakh

 

Tempio buddista nel ladakh

 

I ladakhi sono per lo più buddisti

 

MERCOLEDI

Eccomi dunque arrivata a Leh, antica capitale dei re buddisti del Ladakh. Un’altra cultura, quasi un altro mondo… Ma torniamo alle nostre pecore, o meglio alle nostre capre!

La capra hircus, o capra pashmina è tradizionalmente allevata dai pastori Chang-Pa che conducono una vita nomade sugli altopiani dell’Himalaya, in particolare in Chang Tang, vicino al lago Tso Moriri. Sarebbero lì ora, quindi è lì che vado. L’autobus collega Leh a Korzok 3 volte al mese, sfortunatamente era ieri. Poiché non voglio aspettare altri 10 giorni, devo trovare una jeep da condividere…

 

DOMENICA

E partiamo per 8 ore di strada. Vi risparmio le fermate impreviste, questa volta era la costruzione di un ponte da parte dell’esercito. Chiudono la strada per 3 ore, sono impegnati a montare il loro ponte, poi riaprono brevemente per lasciare passare i veicoli che hanno aspettato e si ricomincia. Viaggiare in Asia insegna la pazienza…

Ma l’obiettivo è vicino e vedo le prime tende in pelo di yak. È una vita molto dura, le temperature invernali raggiungono -30°C. I pastori guidano le mandrie nei pascoli, più la capra ha freddo, migliore sarà la qualità del suo piumino e questo garantisce il loro sussistenza. Per evitare ogni deriva e proteggere i nomadi, il prezzo è stato fissato dallo stato indiano, 3700 Rp per 2 kg di piumino grezzo (ossia 50 euro circa). L’uomo spiega che un tempo alcuni commercianti cachemiri  scambiavano il piumino con il riso, approfittando della loro ignoranza. Fortunatamente, ciò non succede più. Estremamente artigianale e tradizionale, la produzione di cashmere in Ladakh rappresenta solo il 2% circa della produzione mondiale, molto lontana rispetto al leader assoluto, la Mongolia interna (Repubblica popolare della Cina). Tuttavia il piumino di pashmina sarà prodotto solamente nelle regioni himalayane.

 

Le capre pashmina danno un cashmere molto fine la cui migliore qualità si chiama pashmina

 

Le capre pashmina danno un cashmere molto fine la cui migliore qualità si chiama pashmina

 

Le capre pashmina danno un cashmere molto fine la cui migliore qualità si chiama pashmina

 

la vita a 5000m di altitudine è molto difficile

 

La capra viene pettinata al mattino in modo da raccogliere il vello interno, detto anche peluria o piumino; poi i peli più lunghi vengono tagliati con le cesoie. Non sembra amare troppo tutto ciò poverina, la capra pashmina è una principessa che non apprezza che le si tirino i capelli…

 

La capra pashmina viene pettinata per raccogliere il cashmere. Il cashmere migliore e di migliore qualità si chiama pashmina. La pashmina di cashmere è il diamante delle fibre

 

Il cashmere di pashmina verso il basso si ottiene dipingendo la capra pashmina

 

Una parte del mondo persa ai confini dell’India e della Cina, sulle cime di questo Himalaya dove il cielo azzurro si perde nella purezza delle acque dei laghi di montagna, una terra arida, delle capre, degli yak, e questi uomini dalla pelle conciata dall’estremo rigore del clima che continua malgrado tutto a condurre la stessa vita nomade dei loro antenati.

E’ proprio qui che inizia l’avventura della Pashmina…

 

PASHMINA ROAD, part 2 : la tessitura di una pashmina

VENERDI

Il giorno dopo ho un appuntamento per visitare il laboratorio di tessitura dove sono realizzate le mie pashmine. In realtà è una vecchia dimora in legno, situata nel cuore della città vecchia. La produzione di scialli qui a Srinagar resta artigianale, familiare e quindi un po’ disorganizzata rispetto ai nostri standard occidentali…

Fedele alle tradizioni cachemiri di ospitalità, la famiglia, che non parla inglese, mi offre una Kashmiri kawa – il loro thè tradizionale – che ho degustato seduta sul tappeto. Come sempre in Cachemire, solo gli uomini si siedono con me, le donne rimangono in cucina…

È al piano terra che si fila la lana, con l’aiuto di una ruota tradizionale in legno. Originario del vicino Ladakh, è grezzo e assomiglia a dei grandi fiocchi bianchi; il filo così ottenuto viene poi montato su delle matasse. Questo lavoro è tradizionalmente svolto dalle donne, qui la madre del tessitore. Poi il filo viene assemblato sul telaio, anch’esso in legno, che occupa l’intera superficie di una piccola stanza al piano di sopra. Questo è il dominio di Feroz, 40 anni, il tessitore. Ci vogliono 2 giorni per realizzare a mano uno scialle di 2 metri. Questo, di colore bianco naturale, sarà in seguito lavato e tinto.

La pashmina down è un cashmere molto fine, raccolto su capre di pashmina a oltre 4500 m di altitudine sull'Himalaya. Pashmina sembra una nuvola di morbidezza e dolcezza ...

 

La pashmina di cashmere 100% è filata a mano con una ruota che gira per ottenere un filato di pashmina in puro cashmere

 

Il filato di cashmere pashmina è montato su matassine da tessere

 

La pashmina al 100% cashmere è tessuta a mano: è un lavoro vecchio e scrupoloso, il filo di pashmina in cashmere è molto fine e va maneggiato delicatamente. Gli operai del Kashmir tessono la vera pashmina per secoli

 

Il filato di pashmina in puro cashmere deve essere intrecciato con delicatezza

 

Nella mia mano guardo questa nuvola impalpabile, il diamante delle lane, questo piumino che protegge la piccola capra pashmina dal rigore degli inverni himalayani. È lì che tutto inizia, quindi prenderò la strada per le montagne del Ladakh.

Ma in attesa sono stata invitata ad un matrimonio, e conto bene di andarci!

DOMENICA

Un matrimonio cachemiri dura 3 giorni, ma per quanto mi riguarda assisterò solo ad uno, con il mio amico indù, anche lui novizio come me in materia di matrimonio musulmano… Passeremo tutto il giorno nell’immensa vecchia casa di legno e il giardino dove è stata eretta una grande tenda decorata con tinture ricamate cachemiri. Uomini e donne sono separati, la sposa assomiglia a una principessa, il cibo è eccellente, anche se non ho mai mangiato così tanta carne diversa in un solo pasto, e mi diverto a  vedere che vengono distribuite a tutti gli invitati delle doggy bags per portare a casa gli avanzi. Mi spiegano che si tratta di un piccolo matrimonio, 300 persone soltanto… Tra altre meraviglie, la sposa ha ricevuto in regalo 3 pashmine, tra cui un kani shawl, con il tradizionale motivo di fiori intrecciati tessuto direttamente nella trama. La sua realizzazione richiede mesi e il prezzo è all’altezza del lavoro! Verso mezzanotte la coppia è finalmente riunita, e la sposa si precipita nella macchina con la testa ricoperta da una pashmina rosa ricamata. Neanche un bacio, sono un po’ delusa…

 

matrimonio in Kashmir

 

Ma è ora di lasciare Srinagar, la città moghole; le montagne himalayane mi aspettano…

Princesse Moghole ha risalito la pista della pashmina: PASHMINA ROAD, Parte 1

In una costante preoccupazione di trasparenza e poiché una buona foto vale più di un lungo discorso, non avevo 36 soluzioni per raccontarvi la storia di una pashmina. Sono quindi ripartita in campo per risalire in pista. Era giugno ed ecco il mio diario di viaggio…

Da sempre il Cashmere è stato famoso per il tessuto dei suoi scialli, tanto che ha dato il nome alla fibra. Oggi questo Stato situato nel nord dell’India al confine con il Pakistan e la Cina è politicamente molto instabile: la divisione ha lasciato dei segni nella regione, ed è sconsigliato per gli affari esteri francesi. Ma ci vuole molto di più per scoraggiarmi, così sulla strada per Srinagar…

 

GIOVEDI

900 km separano Srinagar da Delhi, ci vorranno 24 ore per arrivarci…

Il treno notturno da Jammu parte alle 20:40h, e sono sola nel mio scompartimento, grande! Per tutta la notte mi chiedo comunque se la porta non si aprirà per fare entrare l’occupante della cuccetta superiore, ma quando il treno si ferma al mattino presto sono ancora sola. Sono le 05:40h e la seconda parte del mio viaggio inizia: la ferrovia non continua fino a Srinagar, dovrò condividere un taxi. L’unione fa la forza e come la jeep non parte che quando è piena unisco i miei sforzi a quelli di Hemu, un giovane banchiere indiano a Londra che si reca a Srinagar per il matrimonio di una delle sue amiche di scuola. Siamo partiti, il viaggio durerà 11 ore.

Man mano che saliamo verso il nord, l’India cambia aspetto e Jammu l’induista lascia a poco a poco spazio alle influenze musulmane. Un paesaggio sempre più collinare, delle foreste, delle risaie in piena raccolta, e dei villaggi dagli accenti dell’Asia centrale. Gli uomini escono dalla moschea all’ora della preghiera, indossano lunghe camicie bianche e una barba che nasconde loro il  viso. A volte i loro capelli sono tinti di rosso e indossano il turbante. Dalle bancarelle pendono pezzi di carne hallal e i panetteri offrono questo pane rotondo cotto sulla pietra che avevo già assaggiato in Uzbekistan. Sono arrivata dagli eredi dell’Impero moghol. E’ qui che da secoli si perpetua l’arte della tessitura della pashmina…

 

 

Srinagar prepara la festa di Eid

la vecchia città di Srinagar nel Kashmir

Incontro a Srinagar

 

A Srinagar j’accepte la proposition de Hemu de l’accompagner au mariage et rejoins mon houseboat, ces palaces flottants hérités du Raj et qui font la renommée de la ville.

 

Il lago Dal si trova nel cuore di Srinagar

I giardini risalgono al periodo moghul

Shikara sul lago Dal

Dal Lake all'alba

 

 

A suivre…